Passa al contenuto principale
Topic: Abolizione Superbollo: che sia la volta buona? (Letto 468 volte) Topic precedente - Topic seguente
0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 15
@MasterPc
Non avevo capito che fosse una tantum. Però ho letto che per ora solo sulle nuove immatricolate dal 1 marzo 2019.

Ma si parla di riprendere il discorso sull'usato (perché in fase embrionale l'ecotassa colpiva anche l'usato), dal 2020 o 2021...

Ecco diciamo mi faceva un po incazzare sta cosa..

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 16
Ipotiziamo che io da marzo in poi decido di scendere nuovamente in italia, quanto pagherei tra bollo e immatricolazione?
La mia ha 303 CV e penso che sia euro 5

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 17
Solo di bollo secondo me sfiori i 1500€...immatricolazione non saprei, io ho lasciato giù quasi 700€ al PRA per il passaggio di proprietà...
TurboXS RP+CBE
SuperLux V3
Xenon Headlight + LED

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 18
Tra 2-4 anni sarà instituito il bollo comune europeo, quindi è presumibile che il superbollo sia effettivamente abolito. Chissà se ne trarremo vantaggio o meno...

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 19
Ipotiziamo che io da marzo in poi decido di scendere nuovamente in italia, quanto pagherei tra bollo e immatricolazione?
La mia ha 303 CV e penso che sia euro 5

Tieni presente che dovresti pagare il 60% del superbollo essendo già più vecchia di 5 anni, ma lavorano con il cu*o e mi sto sbattendo anche io per far riconoscere che questo è l'ultimo anno del superbollo pieno.  Ho visto gente con auto storiche degli anni 60, restaurarle e doverle reimmatricolare(perché ovviamente erano radiate) trovarsi a dover pagare bollo e superbollo pieni perché per "lo stato"(leggasi dipendenti statali che porcodio andrebbero messi al rogo e passatemi la bestemmia altrimenti master o radu censuratemi) è nuova.
Dopo essere nato e vissuto turbulento... c'era bisogno di una genesi per rinascere e correre ancora più di prima!

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 20
Non per entrare sul personale, ma tu quanto paghi?

Ps: Questa politica sta uccidendo letteralmente il settore automobilistico delle auto sportive

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 21
Non per entrare sul personale, ma tu quanto paghi?

930 bollo+1400 superbollo
Dopo essere nato e vissuto turbulento... c'era bisogno di una genesi per rinascere e correre ancora più di prima!

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 22
Ho visto gente con auto storiche degli anni 60, restaurarle e doverle reimmatricolare

Adesso non so bene come è il discorso, ma mi pare che tramite ASI, si dovrebbe riuscire a reimmatricolare l'auto, e mi pare addirittura a poter avere la targa originaria. In ogni caso, ci sono 2 date sul libretto, Prima Immatricolazione e Data Rilascio Libretto.
Se consulti il sistema, ti da la seconda, e non la prima, e quindi risulta nuova.

Io ho preso la moto in Germania, aveva appena compiuto 20 anni quando l'ho comprata. Portata in Italia, chiaramente nuiva immatricolazione e targa.
Prima Immatricolazione sul libretto 1989, Data Rilascio Libretto 2010.
Se andavo all'ACI, mi dicevano che era un 2010, pagavo bollo 2010 ed addirittura la prima revisione dopo 4 anni... si certo come no, moto di 20 anni..
Comunque ho pagato quella che allora era la tassa di circolazione di 10,33 con il bollettino postale.
Nel frattempo mi è arrivato il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica, a febbraio 2011. Con tutti i dati (targa, telaio, prima immatricolazione etc.).
Quando l'Agenzia delle Entrate mi ha mandato la cartella esatroriale per 'insufficiente importo versato', mi sono presentato da loro con i documenti ed il Certificato della FMI.
Li mi hanno spiegato che nel sistema, la data che vedi come prima immatricolazione in realtà è quella di rilascio del libretto, e pertanto risultava 2010.
Si sono fatte le fotocopie e tempo una settimana mi hanno mandato la segnalazione che la pratica era stata chiusa.
Da allora ho continuato a pagare i €10,33 di tassa, senza mai avere più problemi da parte loro. A patto di non andare all'ACI, sennò li sempre bollo pieno mi chiedevano, per questo... fraintendimento del sistema.

Poi è arrivato Renzi. Ma tanto a marzo fa 30 anno e torno con la tassa a €10,33...

Con questo voglio dire, che se sul libretto di quelle auto risulta Prima Immarricolazione 1960 (primo riquadro in alto a sx), ed hanno anche il certificato ASI, devono fare come ho fatto io.
Sennò se vai all'ACI... tanti auguri.
La data di rilascio libretro invece sta nel riquadro in alto a destra.

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 23
Quindi devi andare direttamente dall'agenzia delle entrate?

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 24
E' un po' quello che mi sto sbattendo per il discorso del superbollo, siamo in italia, gli impiegati statali fanno pena e tanto a loro non frega niente far bene il loro lavoro, tanto non li licenzia nessuno
Dopo essere nato e vissuto turbulento... c'era bisogno di una genesi per rinascere e correre ancora più di prima!

 

Re:Abolizione Superbollo: che sia la volta buona?

Risposta n. 25
Quindi devi andare direttamente dall'agenzia delle entrate?

Io ho seguito i consigli dell'ispettore FMI. Lui mi fece notare che avevo due date diverse, essendo una nuova immatricolazione, 1989 come prima e 2010 come data rilascio libretto.
Mi disse di pagare la tassa di circolazione, intanto, e aspettare la cartella esattoriale del bollo.
A quel punto, di andare in Agenzia delle entrate, che aveva emesso la cartella, e portare il certificato di rilevanza storica e Collezionistica.
Adesso non so se uno può andare preventivamente per dire mi tocca pagare tot e non intero.
Sicuramente mi disse di lasciar stare l'ACI, perché loro dal sistema vedono solo la nuova immatricolazione, che sia una reimmatricolazione di un veicolo radiato o una immatricolazione di un veicolo importato.
Poi c'è da dire che il controllo del bollo, in Friuli, non lo fa la Regione ma direttamente l'Agenzia delle Entrate, in quanto regione a statuto speciale.